Significato e storia dell'incisione originale

Le tecniche dell'incisione originale 
	  La stampa calcografica

 

"Bahanut"
acquaforte originale
(morsura aperta)
80x494 su 250x700 mm
2010

 

Sisetta Zappone


Sisetta Zappone,
originaria dell’ Aspromonte calabrese nasce a Cinquefrondi il 10 marzo del 1984.Nel 2002 si trasferisce a Firenze per intraprendere il percorso della ricerca artistica. Frequenta l’Accademia di Belle Arti e viene introdotta alla pratica del disegno tradizionale dall’amico pittore Paul Beel. Scopre la sua vocazione assistendo alle lezioni di tecniche grafiche del professore Rodolfo Ceccotti. Nel 2006 si diploma presso la scuola del professor Adriano Bimbi. Nel 2007 partecipa alla rassegna pittorica “Tende al mare” patrocinata da Dario Fo per il Comune di Cesenatico: espone nel maggio alla Galleria Comunale d’ Arte e dal 5 luglio al 12 settembre alla spiaggia che ospita l’evento.Sempre nel maggio del 2007 a Firenze é coinvolta con l’Accademia nella mostra degli studenti della California State University per il consolato generale degli Stati Uniti d’America.Alla fine del 2007 diviene incisore stampatore presso la Fondazione per la Grafica d’Arte “Il Bisonte”. É presente nelle mostre promosse da quest’ultima: presso la galleria “Il Bisonte” e nel 2008 all’Archivio Nazionale di Stato di Firenze.Nel luglio del 2008 rappresenta l’Italia alla mostra voluta dall’ambasciata della Colombia presso il Palagio di Parte Guelfa e curata da Maria Cecilia Martinez. Nell’estate dello stesso anno approfondisce la conoscenza della tecnica litografica tradizionale con Franco Pistelli.A dicembre 2008 partecipa e vince il concorso mostra “La cittá di Pescia e la sua attivitá florovivaistica”.Nel mese di maggio del 2009 il suo libro d’artista viene esposto fra le pregevoli edizioni d’arte prodotte in 50 anni dalla fondazione “Il bisonte” presso la biblioteca Nazionale di Firenze.A giugno dello stesso anno é presente alla collettiva “Passeggiate fiorentine” per la boutique d’arte e libri “Babele” Ad agosto partecipa al corso avanzato di litografia a colori tenuto da Franco Pistelli nel suo studio privato.Dedica un particolare interesse agli animali, complicando le trame della loro apparenza esteriore con un rigoroso studio della simbologia ad essi connessa. La sua riflessione creativa spazia da ció che riguarda i bestiari medievali e le ataviche credenze totemiche alle suggestioni contemporanee che l’“animalitá” é capace di suscitare. Già nel 2007 scrive un piccolo saggio “Gli Specchi Teriomorfici” ed intraprende la realizzazione del suo personale Bestiario che consta di circa sessanta opere eseguite con varie tecniche, come xilografia, serigrafia, litografia, ma con una prevalenza di incisioni calcografiche. Nelle sue lastre il metallo é sottoposto a violente morsure, da cui risultano immagini oscure e misteriose, che devono tanto alla scrupolosa osservazione della natura, quanto all’indagine filoantropologica.Vive e lavora a Firenze.

Precedente Home Successivo