Significato e storia dell'incisione originale

Acquaforte
Acquatinta
Vernice molle
Bulino
Puntasecca
Maniera nera
Punzone
Xilografia
Linoleografia

La stampa calcografica

 

Opere proposte

opere proposte

 

La Vernice molle

Si tratta di una variante particolare dell'acquaforte, nella quale, invece di ricoprire la lastra con una vernice normale, si stende su di essa, per mezzo di un pennello o di un rullo, a calore moderato, un impasto composto di vernice e sego, in modo da renderla più tenera.

Sopra si applica un foglio sottile, sul quale l'artista traccia il suo disegno con una matita appuntita

Questo impasto molle, con la pressione della matita, aderisce al rovescio della carta e viene asportato con essa, quando si toglie il foglio.

Questa tecnica è detta anche maniera matita o maniera pastello poiché permette di predisporre una lastra calcografica in modo che dia sulla carta una immagine simile a quella che si ottiene disegnando. Diversi tipi di matite e carte possono dare differenti varietà di effetti.

Questa tecnica è nata nel XVIII secolo (J. - Charles Françoise 1717 - 1759) per imitare il segno granuloso della matita o la morbidezza e lo sfumato del pastello. Oggi è usata quasi esclusivamente come mezzo integrativo di altre tecniche.

I passi successivi sono del tutto uguali alla tecnica dell'acquaforte



Vernice molle
Adriatico

Raffaello Margheri

(vedi dettaglio)

torna inizio pagina

giulianazuccaro@acquaforte.it