Significato e storia dell'incisione originale

Acquaforte
Acquatinta
Vernice molle
Bulino
Puntasecca
Maniera nera
Punzone
Xilografia
Linoleografia

La stampa calcografica

 

Opere proposte

Opere proposte

La xilografia

La xilografia è una incisione in rilievo. La matrice è una tavola in legno. Il legno è detto di "filo" se la tavola è tagliata longitudinalmente rispetto al tronco oppure di "testa" se tagliata trasversalmente. La prima, più morbida, è meno precisa ai segni mentre le matrici di legno di testa, fabbricate unendo insieme diversi tasselli selezionati, compatte e prive di venature, possono essere incise con linee molto sottili e ravvicinate producendo quindi disegni assai ricchi e dettagliati.

Il disegno sulla tavola è realizzato in rilievo. Le parti scavate con un particolare strumento detto sgorbia risulteranno alla stampa bianche mentre quelle in rilievo risulteranno nere.

Le prime stampe su carta ricavate da matrici in legno incise sono state realizzate in Cina ; risalgono al VIII secolo della nostra era. In Europa, sulla base di alcuni documenti si deduce che la produzione delle prime silografie (semplici figure di santi e carte da gioco) debba risalire alla fine del XIV secolo o agli inizi del XV secolo. Queste antiche stampe votive erano immagini essenzialmente lineari, spesso abbellite dalla coloritura a mano.

L'invenzione della stampa a caratteri mobili, che applicava ai segni alfabetici il principio della stampa in rilievo , e il conseguente sviluppo dell'editoria hanno rappresentato un campo di utilizzo e applicazione privilegiato per la silografia : negli ultimi decenni del XV secolo si è consolidata la produzione di libri illustrati con silografie, soprattutto in Germania e Italia.

Si tratta sempre, anche per le immagini più raffinate, di opere di artisti anonimi o identificati solo in via ipotetica, fino all'emergere della personalità di A. Dürer, che, nel giro di pochi anni, complici anche le innovazioni tecniche in materia di torchi da stampa e inchiostri, maturate con gli inizi della tipografia, ha sviluppato enormemente il linguaggio della silografia, aggiornando le possibilità di rappresentazione della tecnica ai nuovi dettami dell'arte rinascimentale, ideando composizioni di grande respiro e complessità.

Un nuovo momento di grande innovazione si è avuto alla fine del Settecento, con l'affermarsi della nuova tecnica di incisione su legno di testa, che ha implicato un mutamento radicale di linguaggio incisorio, ed ancora alla fine del secolo scorso con le incisioni su legno di P. Gauguin, iniziatrici della silografia moderna.

Xilografia
Appuntamento mancato

Marcello Guasti

(vedi dettaglio)

 

torna inizio pagina

giulianazuccaro@acquaforte.it